Archivio mensile:febbraio 2012

Crepe nei ricordi

Le immagini iniziano a diventare in bianco e nero,
e qualche crepa comincia ad intravvedersi sulla superficie.
Inizio a sentire i primi spifferi,
e ho paura.
Le ombre iniziano a farsi strada tra questo muro di attimi,
ed io non posso fare altro che guardare.
Presto saranno da me, presto mi reclameranno,
presto mi vorranno.
Io sono loro? Eppure un pò brillo…

Continua a leggere

Beyonce – Why Did God Give Me This Talent

Why did God give me this life? Sometimes it’s  overwhelming. Why did God give me my talent, my gift, my family? I know  you’re not supposed to question God, so I’m grateful for the life he’s  given me. I’m so grateful. I’m alive and I’m living a dream. I’m living  my dreams. Wow.”

Perché Dio mi dà questa vita? A volte è opprimente. Perché Dio mi ha dato il mio talento, il mio dono, la mia famiglia? So che non dovresti domandare a Dio, quindi sono grata per la vita che mi ha dato. Sono così grata. Io sono viva e sto vivendo un sogno. Sto vivendo i miei sogni. Wow.

Continua a leggere

Giorno 7

Con un pò di ritardo… ma ce l’ho fatta…Nell’episodio precedente Andre si dimenticato un “piccolo” particolare… La sera, mentre cercavamo di dirigerci verso un castello (ma va? Chi l’avrebbe mai detto?) sopra Innsbruck, il cruscotto della mia macchina si è magicamente trasformato in un albero di Natale… Spie che si accendevano, guasti fantasma… di tutto di più!Il mattino seguente, ci rechiamo verso i due meccanici Opel più vicini, e dopo aver preso buca dal primo, la macchina magicamente è tornata a posto da sola (saranno state le lodi?!?) Mah…. Va beh, poco male. Il tempo era davvero pessimo, quindi partenza immediata verso le frontiere italiane dove per la prima volta nella settimana affrontiamo, una volta sul Brennero, una tempesta di neve… E simpacamente, ma proprio simpaticamente, il cruscotto della mia Opel mi indica che, così, visto che gli girava, non funzionava più l’ABS… Ma bene!

Continua a leggere

Giorno 6

Giorno 6…

Andre scrive…

Dopo averci lasciato alle spalle la foresta nera di Friburgo
e Tubinga, la Monaco bavarese del maestoso municipio e gli sfarzosi castelli
del “malato” Ludvig II, ci troviamo ora sul Chiemsee.

Ci alziamo come sempre di buon mattino, ma questa volta con

l’amara consapevolezza che si tratta dell’ultimo giorno del nostro tour dei
castelli. Vengo colpito improvvisamente da una maledetta
depressione… ma per fortuna lo zio gio mi ricorda che le ferie non sono
ancora finite, che domani sera ci aspetta una super festa di laurea  a pavia del nostro Giorgio e che soprattutto
domani e’ il 26 del mese, e quindi arriva lo stipendio !!!!! wowowwwwwww. Bene, come dicevo siamo sul lago, dobbiamo prendere il
battello per visitare il castello che Ludvig II fece costruire sulla falsa riga
di Versailles e come elogio al re sole, di cui era pazzo ammiratore… tra l’altro da notare che per la realizzazione del
castello lavorarono 3000 uomini e cio’ non e’ bastato perche’ alla morte del
sovrano ( che visse qui solo per 10 giorni) la costruzone rimase incompiuta.

Continua a leggere

Giorno 5

24/02/2010 E’ di nuovo “il giova” alla Tastiera a raccontarvi gli
eventi, dal suo insolito punto di vista…

Svegliato dal russare di Adre, che parla-parla è un mio ottimo
concorrente, una volta pronto scendo per una colazione da bivacco,
preparataci con affetto dalla compagna di Lanhdo, (l’albergatore).

L’ostello: una casetta piccola e spoglia all’esterno, si è rivelata poi
un luogo accogliente dall’animo caldo, questa cosa mi ha piacevlmente
colpito. Inoltre Lanhdo e la sua squinzia si sono rivelati 2 persone
squisite e siamo subito diventati pappa e ciccia.

Continua a leggere

Giorno 4

Ebbene si, inizia un altro giorno impegnativo… La dolce birra è ormai un triste ricordo…

Dopo una bel 30 min di riassestamento, salutiamo la nostra calda stanzetta per dirigerci in sala per la colazione. Manco fossimo dei profughi, ci abbuffiamo su tutto quello che troviamo grugnendo verso qualsiasi persona tenti di avvicinarsi. Non ancora contenti, trafughiamo pane ed affettati e prepariamo al volo i panini per il pranzo…. Barboni!!!

Continua a leggere

Giorno 3

Ore 8: 30 sveglia.. finalmente questa notte ho
dormito come si deve, 🙂 dopo aver trascorso una bella serata
internazionale con delle amiche della donata e un ragazzo francese anche
lui ospite:  chitarra, limoncino e tano entusiasmo !!!!!

Ore 9:00,  valige pronte e pagato il conto, lasciamo con
dispiacere lo studentato di Friburgo e la compagnia femminile per
ripartire verso nuovi orizzonti: destinazione Monaco di Baviera, quella
dell’Oktober Fest, della Birra, dell’Alianz Arena dove l’Italia è uscita
campione del mondo, dei castelli bavaresi. Continua a leggere

Giorno 2

“Dalle cronache di Giovanni il peregrinante”Svegliato alle 7:40 da un sole arrogantissimo (avevo lasciato su le tapparelle), dopo flessioni e addominali (mente sana in corpo sano), mi unsco agli atri e si vola alla volta di Colmar, Francia!!!
Il paesino in stile medioevale è una vera perla, da vedere! E prese le nostre baguette e colazionato con brioches, ci addentriamo nel folto del centro cittadino.Chiaramente la macchina l’abbiamo lasciata in un parcheggio libero custodito da un bucaniere ubriacone…

Continua a leggere